Robot Farmacia: L’Automazione Te La Spieghiamo Noi

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Da oltre quindici anni progettiamo farmacie automatizzate, motivando e accompagnando il farmacista nella scelta del sistema più congeniale, adeguato alle reali necessità e con una particolare attenzione all’investimento senza ovviamente escludere i benefici fiscali.

Anche quest’anno, infatti, vengono riproposti interessanti vantaggi, non più come iper-ammortamento, ma sotto forma di crediti d’imposta, che oltre ad essere deducibili in modo diretto, permettono di rientrare più rapidamente dall’investimento.
Trovi una sintesi delle agevolazioni disponibili a fine articolo.

Da qualche tempo però, ci siamo resi conto che investire in un robot in farmacia, sia che si tratti di ristrutturazione totale o di restyling, pur essendo una soluzione sicuramente vantaggiosa, non può essere un’operazione sterile, fine a se stessa.

Il rischio che si corre, è quello di concepire l’opera di rinnovamento, solo parzialmente e cioè escludere la possibilità di attuare una trasformazione evoluta, un programma di sviluppo progressivo che permetta di sfruttare ogni singolo e prezioso vantaggio derivante proprio dall’automazione.

Quindi, investire nell’automazione è la strada giusta?

Certamente si!!

Ma come procedere, con chi confrontarsi?

Che tu stia pensando in qualche modo all’automazione, o se invece l’hai già installata, noi possiamo aiutarti. In un caso a comprendere appieno le potenzialità, per scegliere e installare in modo ottimale la macchina, nell’altro ad ottimizzare in modo strategico la farmacia proprio in virtù dell’automazione.

Quante aziende di robot pensi che possano arrivare ad un progetto dettagliato e articolato, ad una consulenza puntuale e trasversale? Nessuna in modo isolato, perché il miglior risultato si ottiene collaborando, facendo interagire professionalità e competenze diverse ma complementari.

E’ molto semplice: se e accetti l’idea di parcheggiare un “container” all’interno della farmacia, è scontato che non potrai modificarne la posizione per almeno 10-15 anni e quindi, ecco che questa opportunità deve costituire necessariamente un inedito.

Significa cioè, concepire il layout con caratteristiche tali da stravolgere organizzativamente la farmacia, rispetto a come l’abbiamo sempre intesa con un unico obiettivo: mirare ad un concept innovativo, che risolve le problematiche di spazio, di organizzazione, logistiche e di gestione, criticità che affliggono senza distinzione la maggior parte delle farmacie.

Ecco quindi che è nata prepotente l’idea di sviluppare un concept, un progetto innovativo, dove abbiamo “smontato e snaturato” l’idea classica di farmacia, concepita rigidamente e inevitabilmente attorno alle dipendenze tra banco vendita – cassettiere, cassettiere – magazzino, banco vendita – aree commerciali / servizi.

Lo schema “classico” impone una sola logica e cioè: le aree operative e quelle di vendita devono rispondere ai flussi di gestione, legati al carico e al prelievo del farmaco nella cassettiera.

Lo stesso vale dove l’automazione prende letteralmente il posto della cassettiera.

Abbiamo osservato in alcune farmacie, il tentativo di rendere dinamica e coinvolgente l’esperienza di acquisto, con l’adozione di espedienti di ogni genere e tipo, con risultati di prevedibile inefficienza, sia nella zona retro, che nell’area vendita, inefficienze non accettabili sul piano professionale e della redditività.

Prova ora ad immaginare:

  • una FARMACIA AUTOMATICA in cui il farmaco viene processato dal robot con tutti i vantaggi derivanti in termini di precisione e rapidità sia nel carico che nella vendita.
  • una FARMACIA DINAMICA, comunicativa, in cui l’accoglienza del cliente significa “relazione” prima di tutto, ancora prima del prodotto o del servizio. Organizzazione e lavoro di squadra grazie a protocolli operativi.
  • una FARMACIA ATTRAENTE, senza aree espositive “fredde”, aree di difficile accesso o poco visibili, superfici espositive sempre in ordine e leggibili.
  • una FARMACIA DEI SERVIZI, dove il cliente viene accolto e ascoltato in modo professionale garantendo privacy e assistenza all’interno di aree dedicate.
  • una FARMACIA ORDINATA in cui giacenze e prodotti sono controllati per quantità e scadenza

Perplesso e forse anche un po’ scettico? Posso capirlo, però questa farmacia esiste e soprattutto funziona!!

Il concept è nato quattro anni fa, da una proposta avanzata in modo provocatorio, ad una farmacista intraprendente e coraggiosa.

Il risultato del lavoro, svolto da un team di professionisti esperti e dotati di una forte capacità creativa, ha permesso lo sviluppo di un’idea, che ha messo fortemente in discussione, non solo l’utilizzo e l’organizzazione degli spazi, ma in parte, se non addirittura interamente, le modalità di gestione e di relazione all’interno della farmacia.

Le competenze condivise ci hanno permesso di esaminare e valutare ogni singola proposta, senza trascurare nulla che potesse accrescere in modo ottimale e significativo il valore dell’idea iniziale.

Il progetto si è rivelato talmente unico e innovativo che abbiamo deciso di dargli un nome che racchiude in modo sintetico il valore dell’idea: LISA.

Progetto “LISA”, è l’acronimo di Libero Servizio Assistito.

E’ la volontà di concepire e ridisegnare gli spazi della farmacia, in modo tale da utilizzare tutto lo spazio vendita della farmacia, annullando aree a scarsa redditività e favorendo i flussi evitando i percorsi obbligati.

Il cliente si trova immerso in uno spazio farmacia, ampio, arioso, dinamico, concepito e misurato sulla persona, dove l’esperienza di acquisto non è mai lontana dalla relazione, anche intesa come consulenza.

Il farmacista è in grado di offrire accoglienza e professionalità in ogni zona della farmacia pur occupandosi della dispensazione del farmaco. L’inedita posizione dei banchi permette infatti la costante presenza di un addetto in ogni singola area della farmacia, in questo modo si evita la formazione delle code rendendo fluida e omogenea l’occupazione degli spazi. La privacy e il distanziamento sociale sono sempre garantiti.

Le superfici delle aree commerciali sono progettate per offrire la migliore visibilità, la massima flessibilità espositiva, abbinata all’uso corretto e dosato, della comunicazione analogica ed anche digitale.

Sono già passati tre anni da quando abbiamo ricevuto l’incarico di rinnovare la farmacia e in questo periodo abbiamo osservato i progressi ottenuti, grazie alla nuova modalità di gestione, resa possibile solo e unicamente dal progetto LISA.

L’analisi dell’andamento è stato affidato ad una società di controllo di gestione che opera nell’ambito specifico della farmacia.

I numeri che ci sono stati forniti, raccontano come la progressione, sia stata costante e in crescita, tanto da consentire oggi alla farmacia di valutare una estensione del progetto, relativamente a consulenze, servizi dedicati alla persona, in ambienti accessibili e che svilupperemo al piano superiore.

In conclusione:

Automazione SI, ma senza accontentarti. Pensiamo insieme come ottimizzare l’intervento.

Come ti ho raccontato le potenzialità dell’automazione in farmacia sono enormi ma bisogna esprimerle e sfruttarle. Possiamo insieme rivedere la tua farmacia per renderla unica, lontana dai clichè ormai scontati di farmacie tutte uguali, anonime e senz’anima.

Agevolazioni 2021*

  • Investimenti fino a 2,5 milioni di euro: credito d’imposta del 50%
  • Investimenti oltre 2,5 e fino a 10 milioni di euro: credito d’imposta del 30%

Il credito d’imposta spettante è utilizzabile esclusivamente in compensazione in 3 quote annuali di pari importo a decorrere dall’anno dell’avvenuta interconnessione.

*Investimenti effettuati dal 16/11/2020 al 31/12/2021 ovvero entro il 30/06/2022 se ordine accettato e acconto del 20% entro il 31/12/2021

Agevolazioni 2022*

  • Investimenti fino a 2,5 milioni di euro: credito d’imposta del 40%
  • Investimenti oltre 2,5 e fino a 10 milioni di euro: credito d’imposta del 20%

Il credito d’imposta spettante è utilizzabile esclusivamente in compensazione in 3 quote annuali di pari importo a decorrere dall’anno dell’avvenuta interconnessione.

*Investimenti effettuati dal 01/01/2022 al 31/12/2022 ovvero entro il 30/06/2023 se ordine accettato e acconto del 20% entro il 31/12/2022

Come procedere?

Puoi richiedere una consulenza gratuita per incontrarci nei tuoi locali oppure online.
Nel secondo caso dovrai inviarci le planimetrie e alcune foto dei locali oltre ad avere accesso ad un pc dotato di webcam (non preoccuparti, ti manderemo le istruzioni via e-mail).

In alternativa puoi trovarci:

telefono: 02 960 30 20

e-mail: info@telaro.it

whatsapp: 3483132858

7 STEP PER ANALIZZARE LE PERFORMANCE DELLA TUA FARMACIA
7 Step per Analizzare le performance della tua Farmacia

Hai bisogno di aiuto per rinnovare la tua farmacia?​

CHECKLIST GRATUITA

7 Step per Analizzare le Performance della Tua Farmacia

Migliora subito la tua farmacia